Inceneritore di Ospedaletto (Pi) : anche da San Giuliano Terme la richiesta di smantellamento.

Frutto di un lavoro in sinergia con il gruppo consiliare di Rifondazione Comunista e Una città in comune, dopo l’approvazione in commissione comunale a Pisa anche il Consiglio Comunale di San Giuliano Terme ha approvato all’unanimità la mozione presentata dal nostro gruppo consiliare, L’Altra San Giuliano, che chiede un intervento immediato per la pianificazione della chiusura dell’inceneritore di Ospedaletto.

L’impianto, ormai vecchio e colpito spesso da malfunzionamenti, dovrebbe completare il suo ciclo di funzionamento nel 2021.

Col documento approvato si chiede di aprire un tavolo di confronto al fine di programmarne col massimo anticipo una chiusura che tenga conto dei tre aspetti critici: l’essenziale riduzione dell’impatto ambientale dell’impianto, il contenimento dei costi dovuti al bilancio di esercizio in perdita per l’inceneritore e la fondamentale programmazione per trovare la giusta collocazione al personale che attualmente vi lavora.

Un impegno chiaro che l’assemblea ha dato alla giunta Di Maio affinché si impegni all’interno dell’ATO per raggiungere il traguardo in un’ottica di protezione ambientale ma soprattutto sociale; una conseguenza naturale delle scelte adottate negli anni al fine di differenziare al massimo il rifiuto e di sostenere l’economia del riciclo limitando al massimo, qualora non sia possibile annullarla, la frazione da destinare all’incenerimento

odg chiusura inceneritore ospedaletto

Solidarietà, euro e libri: San Giuliano per il “Club House/Villaggio San Teodoro liberato”

Nel buio della notte dell’11 gennaio mani e menti indegne appiccavano il fuoco al centro di aggregazione per giovani in un rione popolare catanese, rione con una forte presenza criminale.

In pochi minuti si “cenerizzano” i palloni per giocare, le maglie, i documenti dei giocatori, i computer, gli attrezzi, il defibrillatore, i medicamenti, tutti i ricordi e i trofei della squadra dei Briganti e tutti i libri della biblioteca popolare.

“E’ un attentato a quella parte di città che resiste, un attacco vile e violento alle donne e agli uomini, alle bambine e ai bambini, alle compagne e ai compagni che attraverso il rugby, le attività con i bambini, la biblioteca popolare, gli orti sociali da anni portano felicità e giustizia in una delle zone più umiliate e abbandonate della città” sostengono in molti.
Un esempio di efficace e valida esperienza di aggregazione, prima di tutto giovanile, che con determinazione, costanza e ostinatezza sottrae corpi e intelligenze alla malavita, alla violenza, al bullismo aggiungiamo noi.

Ed è per questo motivo che accogliamo con grande soddisfazione il fatto che il Consiglio Comunale di San Giuliano si faccia partecipe della ricostruzione del “Club House/Villaggio San Teodoro liberato”.

Con l’approvazione del documento da noi proposto solidarietà e un piccolo contributo economico dei consiglieri comunali stanno viaggiando verso Catania; all’Amministrazione Comunale l’impegno di contribuire alla rinascita della biblioteca popolare “Librineria” sia con una donazione di testi che verificando la possibilità di avviare un percorso di affiliazione col circuito provinciale pisano delle biblioteche anche attraverso l’istituzione di un gemellaggio.

 

odg solidarietà e contributi per i briganti